Archivi del mese: febbraio 2009

L’agente assente

Per insegnarle a capire la struttura della frase latina,  alla ragazza cui do ripetizioni di latino insegno a fare previsioni sugli elementi logici della frase che è lecito attendersi a partire da un altro elemento.

Che so, per esempio: partendo dal verbo, se questo è transitivo è facile aspettarsi un complemento oggetto, quindi andare a cercare l’accusativo.  Se trovo “Cesare diede”, vado a cercarmi quello che diede. E  poi a chi lo diede, quindi un dativo, e così via. Partire dalla logica per scremare le forme e scartare altre ipotesi: così non bisogna scervellarsi su tutte le possibili alternative che una desinenza latina può presentare.

L’altra volta, parlando dei verbi passivi, le dicevo appunto di andare a cercare il complemento d’agente. Perché la frase passiva è un po’ una forzatura, no?

Simona fumava dieci sigarette al giorno

contro

Dieci sigarette al giorno erano fumate da Simona

 Ogni trattato di sterili esercizi grammaticali di trasformazione non ci troverebbe niente da dire, eppure la seconda frase è ridicola: le sigarette non fanno proprio niente, è il complemento d’agente che,  appunto, agisce. Per questo si chiama anche “soggetto logico“. Bisogna davvero cercarlo, perché una frase senza soggetto non esiste: al limite è sottinteso.

Oggi leggendo

 “Mills fu corrotto”

mi sono sentita confusa: dov’è il soggetto logico?

Questo processo è proprio come una frase sospesa: non ha alcun senso.

19 commenti

Archiviato in lingua e attualità

Dici queste, Gianca?

Cioè, le frappe? Quella che almeno a Roma si chiamano così, e che se pure son da leccarsi i baffi, guardo sempre con sospetto da quando da piccola mi dissero

 “Ma è er naso tuo o te stai a magna’ ‘na frappa?”

Ma hanno un sacco di bei nomi: dalle tue parti, dice Wikipedia, dovrebbero chiamarsi galàni oppure cròstoli, a Genova bugìe, da Twiga cenci o crogetti, in zona emiliana rosoni o sfrappole, ma quello che preferisco è un nome in uso in parte del Lazio, in Sicilia, Campania, Puglia, Calabria, Sardegna e… parte del Milanese (stranissima distribuzione): chiacchiere. Forse perché sono poco impegnative e una tira l’altra.

Tante chiacchiere, tante frittelle, e tanti cioccolatini pure a te e a chi passa di qua. Vi annuncio che i vostri auguri lavorativi hanno avuto effetto, e che quindi, dopo il fine settimana, e non appena ritroverò l’ispirazione, se passate di qua troverete una ska meno isterica.

Grazie della pazienza, a prestissimo, amici!

18 commenti

Archiviato in post non linguistici

Libera

Ciao, Eluana.

(Grazie, signor Beppino, della lezione che ci ha dato).

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

Un po’ di pubblicità /3

Momento di stasi per il blog, ma la Skakki vigila ed è sempre in cerca di continui stimoli.

Quando si trova qualcosa di bello è giusto condividere, e quindi vi mando a far visita all’Orsopio.

Astenersi non amanti del sonetto romanesco.

Buona lettura!

8 commenti

Archiviato in post non linguistici

Mulini a vento

Mi sto muovendo un po’ in tutte le direzioni.

Domani pomeriggio ho un colloquio che so già essere una sòla (per i non romani: truffa); forse qualcosa di buono uscirà dopo che avrò inviato a una scuola internazionale  – in cui insegna anche un mio amico – il mio CV in inglese, che è in fase di terminazione. Pare lì stiano cercando.

Fra un esca e l’altra che butto in mare, sono passata alla Caritas del mio paese, finalmente. Ho fatto la mia proposta e il direttore si è mostrato interessato ma mi ha detto chiaramente che non possono permettersi di pagarmi, cosa che non mi aspettavo, non da loro. Confidavo in un contributo del Comune, non un vero e proprio stipendio, ma un irrisorio rimborso spese. Probabilmente non ci sarà neanche quello, ché il Comune è in fase di commissariamento, quasi in bancarotta. Io e il direttore ci siamo salutati con l’impegno di restare in contatto, e da parte mia la disponibilità al corso per immigrati anche solo volontario, senza rimborso alcuno.

Poi torno a casa, e leggo che si vogliono invitare i medici alla delazione degli immigrati irregolari. E mi sento una Don Chisciotta ancora più ridicola, a pensare che qualcuno che non può curarsi l’influenza possa aver bisogno di lezioni di morfologia e sintassi.

8 commenti

Archiviato in Uncategorized