Ultimo giorno di scuola

Ahimé, per me è stata come una vacanza ma è già finita. Spero l’ultimo non sia davvero l’ultimo.

Come una vera maestrina, ho avuto l’onore e la gioia di ricevere dei regali dalle mie ex studentesse, 3 ragazze irlandesi che hanno seguito solo l’ultima settimana ma davvero entusiasticamente, e credo abbiano fatto dei grandi progressi. Tutte insieme, mi hanno regalato questo bel ciondolo a forma di cuore, mentre una di loro ha voluto omaggiarmi di questo piccolo capolavoro di penna nato proprio durante l’ultima lezione. Ne farò un quadretto perché oltre che stupendo, per me ha un’enorme importanza. Il ciondolo spero invece di indossarlo con la mia futura classe, e che mi sia di buon auspicio.

L’importanza di una lettera

E’ di pochi giorni fa la notizia di come il voler, meglio il dover risparmiare, possa essere spesso causa di figure barbine, nonché per nulla economico, visto che un intero stock di divise made in Poland della, polizzia va gettato via.

Molto più simpatico è l’aneddoto raccontatomi da una delle studentesse, Gabriella, a partire da una semplice domanda:

G: Simona, come si dice “I’m hungry”?

S: “Ho fame”

G: Aaahhh! Capito: “fame“!

S: Sì, perché?

G: Sai, ieri sera abbiamo parlato tantissimo in italiano con dei ragazzi che abbiamo conosciuto…

S: Ah, bene!

G: …sì, e a un certo punto io avevo fame e sono entrata nel bar dove erano loro gridando “ofamoooo!!!” Loro hanno riso tantissimo: ma perché?!

________________________________________________________

😀

Chissà se il lapsus ha avuto conseguenze interessanti…

OCCHIO AI FONEMI!

Annunci

8 commenti

Archiviato in Uncategorized

8 risposte a “Ultimo giorno di scuola

  1. solleviamoci

    E brava la nostra maestrina… sono contenta che la tua prima avventura sia stata positiva e ti auguro davvero di poterla ripetere presto.
    Nel frattempo ti abbraccio.
    elena
    PS: il discorso sui fonemi vale anche per una dislessica di vecchio corso come me??? 🙂

  2. coccoina

    Per ‘ofamooo’ lasciamo perdere, data l’età—meno male che riesco ancora a ridere, e questa tua cosa lo vuole.
    Poi c’è il piacere del piacere di comunicare ancora con te davanti a tutti e ad alta voce—tu che penso sia tu, assieme a twiga e a qualche quasi nessun altro, questa volta a colpi di cuoricino e d’irlandese, ad inventare l’amore, queste cose d’amore—la tua capacità di voler bene.
    Dimmi il colore di pietra che preferisci, che qui accanto a me c’è un negozio enorme e brasiliano pieno di ogni tipo di gingillo pietroso, e mi piacerebbe mandarti un rosettone da collo, col buco nel mezzo, e per farmi amare anch’io. Giorni fa mi sono comprato un piccolo lapislazzuli e ho detto al venditore, che me ne domandava il perché, che lo facevo per avere un pezzo di cielo in tasca—dato che con quello vero, di cielo…Ha sorriso!

  3. Ele, dai, non ci credo che sei dislessic,a anche se non è la prima volta che te lo leggo dire. Scrivi perfettamente, mi vuoi forse dire che rileggi dieci volte prima di pubblicare? Comunque, sì, vale pure per te: non ci si crede cosa può fare una letterina, e se davvero sei dislessica, occhio a quello che scrivi!

    Coccoina, ma mica hai bisogno di regalarmi pietre per farti amare! Più regali di così! Già mi hai dato tanto!Però, giusto pour parler, la mia pietra preferità è l’occhio di tigre, oppure l’ambra (che però non è una pietra, giusto?). Ma lo sai che l’omo volante è appassionato di minerali e sogna una teca dove metterli e soprattutto di poterne comprare di molti e diverse fattezze e misure?

  4. coccoina

    Quando vola un po’ basso, digli all’omo volante che a fine settembre il brasiliano mineralizzato e fossilizzato a pesce e mosca dentro l’ambra, riapre i battenti: una goduria!
    Allora: ambra con la mosca o occhio di tigre?
    Saluti a sassolini.

  5. coccoina

    Questa faccia che WP mi ha appioppata non mi somiglia–cosa dici: me la faccio cambiare a caso che chi sa, oppure mando loro le impronte digitali o un ritratto psicologico?

  6. unf skakkina di che colore lo volete il riso? un mosca fossile dentro nun ce sta, ma io e coccoina ci sbellihiao e gioiamo se così è.

  7. Tanuccio

    A me non capita mai che arrivi una bella straniera e mi dice ofamooooo…
    Al massimo a me mi dicono: “italiano! Pizza, mandolini, mafia e spaghetti”. Solo perché vado in giro con una lupara, la coppolla, suonando il mandolino e mangiando la pizza con gli spaghetti….

  8. Coccoina: non posso accettare altri regali da te oltre a quelli ben più importanti e non materiali che già m’hai fatto. Però ti ringrazio arrossendo.
    Ah, ho cambiato gli avatar e scelto i mostriciattoli: ti piace di più questo? Ehmmm… credo di no, nevvero?

    Twiga, ci metto sempre un po’ a ritrivare il filo logico con te, ma ora credo d’aver capito: hai mica pensato che io e l’omo volante stiamo per sposarci? Se è così, sei fuori strada ma non troppo: abbiamo deciso di non buttare più l’affitto mensile e convertirlo in un mutuo. E così ci siamo… compromessi. Altro che matrimonio!

    Tanuccio: eh sì, certi stereotipi son davvero insopportabili. ora però chiudo che se torna l’omo mio a casa e non trova la pizza pronta mi mena con la cinta.
    (ma se ti dico che stasera a cena abbiamo davvero pizza fatta in casa ci credi? 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...