Lupululà

 Uno dei grandi problemi del doppiaggio (così come della traduzione in genere) è quello di rendere al meglio battute e giochi di parole che, se tradotti letteralmente, perderebbero nella lingua ricevente il proprio senso e la vis comica. Il difficile compito del traduttore è dunque quello di inventare in pratica un’altra battuta che abbia un effetto comico analogo a quello originale.

Prendiamo come esempio una scena da uno dei miei film preferiti, Frankenstein Jr., di Mel Brooks.

Questa è la scena originale in inglese:

Inga: Werewolf… 

Doc. FrankenstEen: Werewolf?

Aigor: There!

Doc. FrankenstEen: What?

Aigor: There wolf!

Doc. FrankenstEen: Why are you talking that way?

Aigor: I thought you wanted to!

Doc. FrankenstEen: No, I don’t want to!

Aigor: Suit yourself. I’m easy.

———-

E questa la versione italiana:

Inga: Lupo ulula…

Dott. FrankenstIn: Lupululà

Aigor: Là?

Doc. FrankenstIn: Cosa?

Aigor: Lupo ululà, castello ululì…

Dott. FrankenstIn: Ma come diavolo parli?

Aigor: E’ lei che ha cominciato!

Dott. FrankenstIn: Noo, non è vero!

Aigor: Non insisto, è lei il padrone…. vede? eccululà: caaaasa…

———————————-

In inglese lo scambio di battute ha un senso proprio dato dal fraintendimento del termine werewolf, “lupo mannaro”, che viene interpretato da Aigor come “where wolf?”

In italiano il gioco di parole è chiaramente intraducibile, perciò il traduttore deve escogitare un altro trucchetto: in rumeno (siamo infatti in  Transylvania) l’articolo determinativo si pospone al nome cui si riferisce, quindi “il lupo” si traduce “lupul”, dove “l” finale è per l’appunto l’articolo. Quando Inga dice “Lupu ulula”, il Dott. FrankenstIn segmenta forse la frase come “lupul(u) là”, dove però resta da piazzare ancora una u centrale. Aigor lo prende come un gioco e vi si presta rispondendo “Lupo ululà, castello ululì!”.

Non era affatto facile rendere il senso di quella battuta, ma a me pare tutto sommato che vi siano rispettati tre criteri dell’originale:

  • la segmentazione errata della frase originaria
  • l’interpretazione dell’enunciato in criteri spaziali (there = là)
  • la totale sottomissione dell’assistente Aigor al suo padrone 😀

Il gioco di parole in inglese è perfetto, quello in italiano un po’ tirato per i capelli… eppure è una delle batttute del film più celebri ed amate dal pubblico italiano: è una specie di nonsense che, anche se non limpido nel senso, in effetti fa ridere,  un po’ perché sta bene in bocca ad un personaggio così improbabile come Aigor, un po’ perché un’espressione di fantasia come “ululà” risveglia la nostra memoria infantile, ricordi di tempi in cui inventavamo le parti delle canzoni che non riuscivamo a decifrare. Credo che il riso e la paura siano dei relitti del nostro io bambino. Il riso più sincero e scanzonato è spesso provocato da cose che non capiamo appieno.

Ciononostante: se sapete un po’ d’inglese, vedete il film in lingua originale. 😉

Annunci

7 commenti

Archiviato in problemi di traduzione

7 risposte a “Lupululà

  1. Ma guarda un po’ quante belle cose ci fai notare!

  2. Max

    Guarda tocchi un tema “cruciale”! 🙂 Quello delle traduzioni cinematografiche. Mi è capitato spesso di pensare a chi fà le traduzioni delle battute dei film e penso che sia un lavoro molto sottovalutato. Me ne accorgo quando ci si ritrova davanti a invenzioni che funzionano e che sono assenti nell’originale (perchè appunto l’originale è “intraducibile” e viceversa). Esiste anche il problema opposto: le traduzioni oscene. Io ci faccio caso… esistono traduzioni che sembrano il compitino di inglese di un adolescente. Una delle cose più assurde che mi vengono in mente per esempio è la scena di Top Gun dove tutti insieme cantano “Great Balls of Fire”… non so per quale ragione (forse chi si è occupato della traduzione ha pensato che fosse importante il significato del testo) la canzone viene cantata in un’oscena traduzione in italiano da far accapponare la pelle (“grandi palle di fuoco”).

    Di recente ho visto un telefilm dove invece venivano tradotti anche termini informatici che invece sarebbe stato opportuno lasciare in inglese (perchè noi diciamo “off-line” per esempio e “fuori-linea”… fa proprio schifo!!!!).

    Comunque la traduzione di un film è una componente molto importante per la buona riuscita al botteghino e di conseguenza chi traduce non può limitarsi a sfogliare il vocabolario.

    Bel post 😉 Denghiu!

  3. Bella cosa ska, bella davvero. Credo che un traduttore valido debba essere non solo padrone delle lingue che affronta, ma anche un bel “creativo”.

  4. E’ uno dei miei film preferiti!!
    Questo gioco di parole mi ricorda una scena di un film dei fratelli Marx (mi pare), quello con “Chi è in prima base”. Lo conosci?
    Ora che ci penso, non l’ho mai sentita in inglese, mi chiedo se il gioco di parole fosse lo stesso.

    ciao Dario

  5. Non cancellarlo Cristo! Non lo leggo giuro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...